Special offer: 30% off pre-orders of The Oxford Handbook of Refugee and Forced Migration Studies

OHRFMS

Save £28.50 on the forthcoming Handbook when you order online today*. Discount valid until 31 May 2014.

Edited by Elena Fiddian-Qasmiyeh (University of Oxford), Gil Loescher (University of Oxford), Katy Long (University of Edinburgh), and Nando Sigona (University of Birmingham), The Oxford Handbook of Refugee and Forced Migration Studies offers outstanding contributions from renowned academics and practitioners and is an essential reference for students and scholars in this field.

From the publishers

This authoritative Handbook critically evaluates the birth and development of Refugee and Forced Migration Studies, and analyses the key contemporary and future challenges faced by academics and practitioners working with and for forcibly displaced populations around the world. The 52 state-of-the-art chapters, written by leading academics, practitioners, and policymakers working in universities, research centres, think tanks, NGOs and international organizations, provide a comprehensive and cutting-edge overview of the key intellectual, political, social and institutional challenges arising from mass displacement in the world today.

How to order

Click here to order online from the Oxford University Press website

*To get the 30% discount, order online from the Oxford University Press website, adding promotion code AAFLY6 to your shopping basket. Discount valid until 31/05/2014.

Postage and delivery

Website orders: FREE postage on orders of £20 or more (delivery in the UK only). Please allow 7 working days for delivery in the UK.

For more information about postage charges and delivery times visit: www.oup.com/uk/help/despatch

Advertisements

The Arab Spring and Human Mobility: International Symposyum, University of Oxford, 20 March 2012

Migration in its various forms has been a key part of the popular uprisings that spread across North Africa and the Levant in 2011. The columns of vehicles escaping from cities and villages under siege in Libya, the boats crammed with Tunisians crossing the Mediterranean Sea and landing on the island of Lampedusa, and the numerous Egyptian émigrés and university students returning to Cairo to join the protests in Tahrir Square are a few examples of the ways in which human mobility intersects current events in North Africa and the Levant.

The ‘North Africa in Transition: Mobility, Forced Migration and Humanitarian Crises’ workshop organised by the Refugee Studies Centre (RSC) and the International Migration Institute (IMI) at the University of Oxford on 6 May 2011 offered a platform to begin exploring how these events have impacted existing patterns of mobility in the region and generated new ‘mixed’ migration flows. Panelists observed that the regional crises had prompted some economic migrants to become forced migrants; pushed forced migrants into irregular migration channels; and made multiple migrant groups, including seasonal and long established migrants, ‘involuntarily immobile’. Panelists also observed that apart from large-scale displacement within and from Libya, migration patterns from most other countries, such as Tunisia and Egypt, seemed to have remained remarkably unaffected by the political turmoil, in stark contrast with predictions made by some politicians, journalists and researchers about mass displacement.

To build on this event and take stock of further political and economic developments in the region, the RSC and IMI are organising a second international symposium on migration and forced migration in North Africa and the Levant on 20 March 2012 with the participation of international scholars, practitioners and policy makers. This second workshop will examine the extent to which the Arab Spring has shifted migration dynamics and migration and
refugee governance.

The workshop will address the following questions:

  • How have varying processes of political, economic, and social contestation in North Africa and the Levant affected human mobility?
  • To what extent have events transformed or impacted the institutional behaviour and responses of international organisations and civil society groups working in the field of migration and refugee protection?
  • How have publics and governments in North Africa and the Levant positioned or repositioned themselves in relation to issues of asylum and migration?

Migration Studies, new refereed journal to start publication in spring 2013

Migration Studies, OUP

Migration Studies is a new multi-disciplinary refereed journal from Oxford University Press (see journal’s webpage). It will publish work that significantly advances our understanding of the determinants, processes and outcomes of human migration in all its manifestations.

Migration has always defined human populations, and today it is one of the most powerful currents shaping global society. In recent decades, the increasing scope, complexity and salience of human migration have inspired new conceptual and policy vocabularies, and stimulated ground-breaking research efforts across many different academic disciplines.

Migration Studies will contribute to the consolidation of this still-fragmented field of study, developing the core concepts that link different disciplinary perspectives on migration, and bringing new voices into ongoing debates and discussions. Drawing on the expertise and networks of a Global Editorial Board of senior migration scholars, the journal will publish articles of exceptional quality and general interest from around the world.

CALL FOR PAPERS

Migration Studies invites papers that contribute substantively to a core scholarly discipline or sub-discipline, while engaging with migration research in other disciplines. Papers will be reviewed through a global editorial board including senior scholars in each of the following fields:

  •  Anthropology
  •  Demography
  • Economics
  • Forced Migration
  • Geography
  • History
  • International Relations
  •  Sociology
  • Political Science

The editorial team (Alan Gamlen – Editor, Alexander Betts, Thomas Lacroix, Emanuela Paoletti, Nando Sigona and Carlos Vargas-Silva – Associate Editors) also welcomes book reviews, special issue proposals, and ideas for presenting content in new ways.

HOW TO SUBMIT A PAPER

Please follow instructions for authors on the journal’s webpage: http://www.oxfordjournals.org/our_journals/migration/

Dale Farm e l’urbanistica del disprezzo

From Dale Farm Solidarity's blog

“Abbiamo messo il sito in sicurezza”, dice Tony Ball, il sindaco di Basildon. Decine di giornalisti giunti da tutto il mondo lo circondano. Telecamere, cavi, microfoni, macchine fotografiche e riflettori sono in postazione da giorni,  insolita scena in questo paesone della contea di Essex. Basildon è una new town nata nel dopoguerra dalla fusione di tre villaggi, architettura modernista a basso costo per i pendolari della trasbordante Londra. Tony Ball, uno dei tanti conservatori che governano l’Inghilterra non metropolitana, è un politico di provincia che una vicenda di abusi edilizi ha portato sorprendentemente alla ribalta internazionale.

La vicenda in questione si può riassumere in due righe: ottantasei famiglie hanno costruito e abitato abusivamente su terreni di loro proprietà per dieci anni tentando ripetutamente, ma senza successo, di condonare gli abusi post facto. Una vicenda, tutto sommato, di ordinaria amministrazione che però ha intercettato, per caso o per astuta pianificazione, interessi e dibattiti che avevano luogo in altre sedi – a Westmister, a Brussels, a New York. Ed è così che Tony Ball si è trovato lo scorso 19 Ottobre a commentare in diretta sui media di mezzo mondo lo sgombero violento di alcune piazzole di Dale Farm, un’area di sosta privata abitata complessivamente da un migliaio di cittadini britannici appartenti alla minoranza legalmente riconosciuta degli Irish Travellers.

Mentre Tony Ball rassicurava il mondo sul positivo svolgimento dello sgombero, la sua voce era offuscata dall’incessante rumore del elicottero della polizia che per ore ha sorvolato e filmato l’area dello sgombero. Intanto a poche decine di metri dalla sala di comando dove si svolgeva l’intervista, centocinquanta poliziotti in tenuta anti-sommossa facevano irruzione nel perimetro non autorizzato di Dale Farm. Impalcature e barricate messe su nelle settimane precedenti si sono sbriciolate in pochi minuti. I poliziotti in gruppi serrati urlavano e battevano i manganelli contro la plastica degli scudi, come suggerisce i manuale di istruzioni sullo sgombero perfetto. Attivisti e volontari di varia provenienza che per settimane sono stati accampati a Dale Farm in segno di solidarietà hanno provato ad interporsi, a rallentare l’avanzata, ma i poliziotti procedono inesorabilmente alla ‘bonifica’ per lasciare spazio alle ruspe e allo squadrone di duecento ufficiali giudiziari e operai che mettono su teli e nastri colorati, delimitano le piazzole, leggono delibere e iniziano la demolizione.

Alcune famiglie hanno trasportato le loro case mobili in terreni di parenti e amici nei giorni precedenti per evitare la distruzione ‘accidentale’ della loro casa, altri hanno traslocato i loro oggetti più cari nella parte autorizzata dell’insediamento, altri ancora aspettano non avendo altro posto dove andare.

I giornali popolari di destra hanno attizzato l’opinione pubblica per mesi, facendo diventare Dale Farm l’inferno in terra, ‘il più grande insediamento di zingari d’Europa’: un’assurdità, ma molto efficace. Questa campagna si è intensificata quando la vicenda ha iniziato ad assumere rilievo internazionale. Quando, in particolare, un discreto numero di agenzie e organizzazioni europee ed internazionali per i diritti fondamentali, umani e delle minoranze ha iniziato a protestare, facendo giungere le proprie perplessità sulla gestione della vicenda al governo Cameron. L’intervento esterno ha incrinato il supporto che i conservatori erano riusciti a creare per il loro approccio ‘law and order’ (incluse alcune frange di lettori del progressista Guardian). La risposta del governo a queste critiche è stata quella di chiudersi a riccio, accusando la comunità internazionale di interferenze indebite. Un tipico esempio di due pesi due misure da parte della Gran Bretagna.

Nel silenzio dei politici laburisti, una delle poche voci critiche nel panorama politico inglese è stata quella di Lord Avenbury, un liberal democratico con una storia di battaglie per i diritti umani e le minoranze. In un interrogazione alla Camera dei Lord, ha chiesto: “Onorevoli colleghi, cosa pensate della decisione di spendere £117000 per famiglia per sgomberare queste persone da Dale Farm considerando il fatto che non ci sono aree alter aree disponibile nel paese dove indirizzarli?”.

Purtroppo l’intervento di Lord Avebury non ha cambiato il percorso della vicenda. Un’altra indicazione delle relazioni di forza nell’attuale governo di coalizione conservatori-liberal democratici.

Ai contrbuenti britannici l’operazione di sgombero di Dale Farm è costata quasi venti milioni di sterline oltre a mettere sulla strada quattrocento persone che ora dovranno trovare altre aree di sosta dove fermarsi. Ma le aree di sosta che non ci sono come ben sanno il comune di Basildon e il governo britannico. Il precedente governo aveva elebarato un piano che prevedeva l’individuazione di quattromila nuove piazzole, non sufficienti per coprire il bisogno abitativo di tutti, ma un passo avanti. Purtroppo come spesso accade negli interventi a sostegno di queste comunità la volontà politica si è dissolta prima che il piano diventasse progetti concreti, con qualche eccezione. Il comune di Bristol ha allestito due aree sosta per Travellers all’interno dei suoi programmi di edilizia popolare per una cinquantina di famiglie per un costo totale di tre milioni di sterline. Quando è arrivato il governo conservatore il piano dei laburisti è stato relegato in un cassetto. Niente di personale e certamente non si tratta di razzismo, hanno più volte ripetuto i politici conservatori. Bisogna dare più potere di scelta alle municipalità, non si possono imporre interventi del genere dall’alto è la giustificazione che echeggia il programma ‘localista’ del nuovo governo.

C’è però anche un’altra parte del programma di governo che i rappresentati istituzionali hanno astutamente omesso di richiamare durante gli accessi dibattiti che hanno preceduto lo sgombero, cioè quella che prometteva la riforma radicale della normativa sull’urbanistica e di attuare una devolution della materia per dare ai cittadini (e agli imprediori edilizi) maggiore libertà di edificare, rivedendo anche le norme che riguardano la protezione delle cinture verdi (green belt) che circondano le aree urbane. Strano che nessun conservatore si sia ricordato di questa decennale battaglia durante la vicenda Dale Farm. Infatti, la colpa imperdonabile compiuta dai Travellers è stata proprio quella di aver costruito su terreni di loro proprietà ma non edificabili perchè all’interno della green belt di Basildon.

Infine, vale la pena ricodare che i conservatori hanno un’enorme responsabilità per aver creato i presupposti che hanno portato agli abusi edilizi di Dale Farm. Nel 1994 fu infatti proprio il governo conservatore di John Major ad abolire il Caravan Sites Act del 1968 che imponeva ai comuni di predisporre aree per la sosta dei viaggianti e destinava fondi nazionali a tali progetti, incoraggiando inoltre i Travellers ad acquistare pezzi di terra da adibire alla sosta (sul modello della Thatcher che aveva messo in vendita il patrimonio di case popolari pochi anni prima), e i comuni ad essere più flessibili nella valutazione delle richieste per permessi edilizi dei Travellers visto il loro oggettivo svantaggio. Il primo insediamento a Dale Farm è parte di questa storia, così come il suo successivo allargamento. Purtroppo però il comune di Basildon, sebbene conservatore, non ha mantenuto la sua parte di promessa.